Umbria e Marche: “Finanziare l’ultimo tratto della Tre Valli”

Umbria e Marche: “Finanziare l’ultimo tratto della Tre Valli”

115

Lettera congiunta di Umbria e Marche al ministero dei Trasporti, oggi vertice a Roma tra Tesei e Giovannini sulle infrastrutture

PERUGIA – 6 maggio 2022 – Inserire il finanziamento dell’ultimo tratto della Tre Valli nel piano degli investimenti Anas. È quanto chiedono con una nota scritta i governatori di Umbria e Marche, Donatella Tesei e Francesco Acquaroli, al ministro dei Trasporti Enrico Giovannini. Oggi Tesei – accompagnata dal capo di gabinetto Federico Ricci – incontrano Giovannini per discutere delle partite infrastrutturali cruciali dell’Umbria: dalla stazione ferroviaria dell’aeroporto alla Foligno-Terontola, passando per la Medioetruria e il Nodo stradale di Perugia.

Sul tavolo anche la Tre Valli, tratto Spoleto– Acquasparta, dichiarato strategico e di preminente interesse nazionale già oltre 20 anni fa dalla delibera Cipe del 21 dicembre 2001. L’infrastruttura è vitale per le due regioni: si inserisce nel corridoio che unisce l’Adriatico al Tirreno, da Ascoli Piceno, passando per Acquasanta, l’appenino umbro marchigiano, la Valnerina, Spoleto, Acquasparta, per poi giungere tramite la E45 e la Orte-Civitavecchia il mare. Il completamento dell’opera, in particolare, permetterà di collegare la Flaminia a nord di Spoleto con la E45 ad Acquasparta.

Tassello fondamentale alla luce dell’avvenuto completamento della Foligno-Civitanova (Quadrilatero) di cui va a costituire un naturale proseguimento, verso la E45, e, di seguito, verso Orte, con possibilità di prosecuzione verso l’area romana (A1) o verso il porto di Civitavecchia (Orte-Civitavecchia). Quest’opera poi, oltre ad assicurare il collegamento trasversale dalla E45 all’Adriatico passando per Norcia ed Ascoli Piceno, rappresenta “la trasversale strategica per l’accesso all’area del cratere sismico 2016”, è sottolineato nella lettera congiunta vergata e inviata già a marzo.

Sono due gli stralci da completare. Il primo tratto Madonna di Baiano-Fiorenzuola, circa 4 km e mezzo, è finanziato con progetto definitivo in fase autorizzativa. Si tratta di circa 80 milioni di investimento. Il secondo segmento, tutto in galleria (due tunnel) da Fiorenzuola fino allo svincolo di Acquasparta sulla E45, è lungo quasi sette km: per questo è finanziata la progettazione definitiva che deve essere ancora avviata.

Ma servono tutti i soldi: siamo davanti ad oltre 300 milioni da investire, stando ai dati forniti da Anas. Per questo le Regioni Umbria e Marche, “condividendo la strategicità” dell’intervento di completamento della 685 Tre Valli, sia per l’accesso e l’attraversamento dell’area del cratere sismico 2016, sia per realizzare un’efficace trasversale di collegamento sud tra Marche ed Umbria, ritengono “obiettivo prioritario” l’inserimento e finanziamento del tratto Firenzuola–Acquasparta nel piano pluriennale degli investimenti Anas 2021-2025 in corso di predisposizione e nel relativo contratto di programma tra Mims e ente strade. Questo collegamento attualmente è assicurato solo dalla 418 spoletina, tornata statale dalla fine del 2018.

(Fonte: Corriere Dell’Umbria)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.