Avigliano Umbro, ieri il primo consiglio comunale

265

AVIGLIANO UMBRO – 21 ottobre 2021 – Prima riunione di consiglio per i neo consiglieri aviglianesi. Oltre all’insediamento ed alle normali formalità del caso, quindi giuramento del Sindaco, nominate le commissioni ed il revisore dei conti. Il Sindaco Conti ha poi nominato i nuovi assessori: Daniele Marcelli e Valentina Frasconi. Per Frasconi deleghe ambiente e territorio, lavori pubblici, sport e associazionismo, per Marcelli edilizia, urbanistica, commercio e artigianato, politiche giovanili, sviluppo e recupero delle frazioni, quest’ultimo ricoprirà il ruolo di vice-sindaco.

Siamo una grande comunità continuiamo questo viaggio insieme, la buona politica è possibile” questo il fulcro dell’intervento del Sindaco Luciano Conti, che ha invitato più volte i cittadini a partecipare alla vita di comunità.

Il consigliere Roberto Pacifici intervenuto post-nomina della giunta, commenta così: “Faccio i complimenti a chi ha ottenuto un ottimo consenso elettorale, mi riferisco a tutto il centrodestra che ha consolidato il risultato di 5 anni fa“, riferimento alla rivendicazione dei giorni scorsi delle dirigenze locali dei partiti del centrodestra che hanno reclamato la vittoria, aggiunge “La rivendicazione del PD non è altro che la dimostrazione di come, per raggiungere un risultato, si abbandonano quei valori propri della sinistra“.

Da sottolineare l’intervento di  Marcelli che ricorda la grande affluenza al voto: “Evidentemente c’erano due liste che hanno portato i cittadini al voto, l’affluenza è stata tra le più alte in Italia, pochi hanno rinunciato a scegliere. Le proposte politiche sono piaciute“.

L’assessore Frasconi, durante i suoi ringraziamenti sottolinea: “Idee politiche diverse ma piena armonia per l’obiettivo comune, il bene della comunità“.

Mozione “Piena solidarietà alla CIGL” presenta da “Per Avigliano Umbro” Sono noti ormai i fatti dell’assalto alla sede del maggiore sindacato italiano da un gruppo di fascisti, nonché del Pronto Soccorso Umberto Primo. La mozione ha comunque acceso la discussione. Secondo la maggioranza infatti sarebbe stata presentata per testare, o meglio, per sottolineare le divisioni politiche della stessa. Il consigliere Luca Longhi: “Non si può non votare favorevole contro la violenza. La mozione è stata fatta ad hoc. Siamo unitissimi e voteremo favorevolmente“.
Smentisce la minoranza, che ribadisce il fatto grave e ricorda la presenza delle mozioni anche in parlamento.

Sotto gli ordini del giorno

 

Luca Proietti