Premiati a Terni i “Maestri del Lavoro”

365

Fra i premiati erano presenti anche un acquaspartano (Alfio Ciribuco per il 2020) ed una aviglianese (Maria Augusta Angeli per il 2021)

TERNI – 26 novembre 2021 – È avvenuta ieri, 25 novembre, nella Sala Consiliare di Palazzo Spada a Terni la premiazione dei “Maestri del Lavoro” insigniti di tale onorificenza all’interno della Provincia. Una cerimonia che torna a dare quasi un senso di normalità a questo genere di eventi, con scambi di strette di mano e la foto dei protagonisti scattata senza la mascherina, sebbene al “primo ciak” gli insigniti avessero dimenticato di togliersela. “Non era scontato essere qui”, ha detto non a caso il sindaco Leonardo Latini ai Maestri del lavoro del 2020 e del 2021 che ieri sono stati ricevuti a Palazzo Spada dal primo cittadino. Ma il lavoro è anche la leva su cui fare forza per uscire dalla crisi causata dal Covid. “Tutto noi dobbiamo metterci di più per metterci alle spalle questo periodo drammatico, ha aggiunto Latini prima di procedere alla consegna degli attestati al merito “Maestri del Lavoro”.

Per l’anno 2020 sono stati insigniti dell’onorificenza: Paolo Boschetto (Terni) e Alfio Ciribuco (Acquasparta); per il 2021 l’attestato di merito è stato consegnato a: Maria Augusta Angeli (Avigliano Umbro), Franca Belli (Terni), Nerio Centanni (Montefranco), Cesare Cesarini (Terni), Loredana Fabbri (Terni), Gigliola Forti ( NARNI), Gabriele Servili (Terni). Sono tutti visibili nella fotografia di copertina.

Nicolò Sperandei (Fonte: Messaggero Umbria)

Avigliano Umbro, Maria Augusta Angeli è Maestro del Lavoro

176

La cittadina di Avigliano Umbro è stata premiata dopo 39 anni di servizio in Poste Italiane S.p.a. I complimenti del Comune di Avigliano

AVIGLIANO UMBRO – 13 novembre 2021 – Lo scorso giovedì 11 novembre insieme ad altri 36 uomini e donne provenienti da tutta l’Umbria, la direttrice dell’ufficio postale di Avigliano Umbro Maria Augusta Angeli ha ricevuto l’onorificenza di Maestro del Lavoro, ciò grazie ai suoi 39 anni passati al servizio di Poste Italiane S.p.a. con efficienza e dedizione. La cerimonia si è svolta presso il “Salone Domenico Bruschi” della Prefettura di Perugia.

I complimenti del Comune Anche l’amministrazione comunale di Avigliano Umbro ha espresso, con un post su Facebook, i suoi complimenti alla sua concittadina: “L’amministrazione comunale – scrive l’ente sulla piattaforma social – desidera esprimere sentite congratulazioni alla concittadina Maria Augusta Angeli insignita, dal Presidente della Repubblica, del titolo di Maestro del Lavoro. Un riconoscimento meritato dopo 39 anni di impegno in Poste Italiane svolto con dedizione e passione al servizio della comunità di Avigliano Umbro”.

Nicolò Sperandei

Sangemini, ok dei creditori al concordato

658

Il gruppo Acque Minerali d’Italia nel frattempo ha nominato il nuovo direttore generale, Alessandro Frondella, ex Ferrarelle

SAN GEMINI – 28 settembre 2021 – Un’ampia maggioranza di creditori ha votato favorevolmente per la proposta di concordato in continuità di Acque Minerali d’Italia, di cui fanno parte Sangemini ed Amerino. In una nota il gruppo sostiene che “a dare maggior fiducia alla proposta di concordato è stato l’accordo siglato da Ami con il fondo italiano Clessidra Restructurin Fund e il fondo americano Magnetar che, tramite un intervento finanziario di oltre 50 milioni, ne supporteranno il percorso di rilancio e sviluppo come nuovi azionisti insieme all’attuale proprietà”. Durante il percorso concordatario la società ha intrapreso azioni di ri-focalizzazione ed efficientamento e si è rafforzata con la recente nomina del direttore generale Alessandro Frondella, manager con ventennale esperienza nelle acque minerali, già alla Ferrarelle. Ami, che ha mantenuto una posizione di rilievo tra i principali players del mercato, è presente nei canali HoReCa (Hotellerie, Restaurant, Cafè) e Retail tramite importanti marchi tra cui Norda, Gaudianello e Sangemini. Per il 30 settembre è stato fissato il termine entro il quale l’Ebitda del gruppo dovrà risultare in pareggio, in precedenza fissato al 30 giugno, una condizione posta dai fondi Clessidra e Magnetar. Il piano prevede la riduzione del personale aziendale in eccesso che riguarderà 76 unità su 355 totali che dovrebbe comportare un risparmio di 3,6 milioni su base annua e riguardano i siti Gaudianello in Basilicata e Sangemini ed Amerino. Non si conosce la distribuzione degli esuberi, ma a metà luglio le segreterie regionali della Basilicata di Fai-Cisl, Flai-Cgil, Uila-Uil hanno proclamato uno sciopero di 24 ore perché “fra questi esuberi, 30 toccherebbero ai due stabilimenti lucani (Gaudianello e Toka, ndr), nonostante la carenza di organico già riscontrata e denunciata dalle organizzazioni sindacali, specie in questo periodo dell’anno in cui il consumo dell’acqua minerale aumenta notevolmente”. Tra azienda e sindacato dell’Umbria, a novembre 2018, era stato siglato un accordo che aveva scongiurato una trentina di licenziamenti fino al 2024 quando scadrà la concessione. Inoltre l’azienda si era impegnata ad investire nel triennio 2019-2021 19 milioni, per il revamping impianti, e una linea vetro per prodotti che consentono una maggiore penetrazione nel mercato HoReCa. Non ci saranno licenziamenti collettivi, le uscite saranno volontarie e la società ha accantonato 3,3 milioni come fondo rischi di incentivo all’esodo in caso di esito negativo delle negoziazioni collettive relative al licenziamento. Il sindacato ha chiesto la riapertura del tavolo al Mise. 

Alessandro Frondella

(Fonte: Corriere Dell’Umbria)

 

Ok dell’Antitrust al riassetto del gruppo Sangemini­Amerino

363

Previsti contributi per l’esodo incentivato dei dipendenti. Ai fondi Clessidra e Magnetar il controllo congiunto di Ami

SANGEMINI – 28 agosto 2021 – L’Agcom, l’Autorità garante della concorrenza e del mercato, ha dato il via libera al controllo congiunto di Ami, Acque minerali d’Italia, di cui fanno parte Sangemini ed Amerino, da parte dei fondi Clessidra e Magnetar. Per l’Autorità garante l’operazione non determina “la costituzione o il rafforzamento di una posizione dominante sul mercato interessato, tale da eliminare o ridurre in modo sostanziale la concorrenza”. All’omologazione definitiva, i due fondi sottoscriveranno l’aumento di capitale per complessivi 50 milioni di euro diventando azionisti di maggioranza del gruppo Ami in una compagine che vedrà la famiglia Pessina rimanere comunque nell’azionariato. Il piano prevede la riduzione del personale aziendale in eccesso che riguarderà 76 unità su 355 totali, cosa che dovrebbe comportare un risparmio di 3,6 milioni su base annua. E la società ha accantonato 3,3 milioni come fondo rischi di incentivo all’esodo in caso di esito negativo dei negoziati sui licenziamenti. Inoltre nel piano non c’è traccia della linea vetro, un investimento da 18 milioni, concordato da Pessina con le parti sociali. Per il 6 settembre è stata fissata l’udienza con i creditori. In vista di questo appuntamento la senatrice leghista Valeria Alessandrini porterà la vertenza Sangemini-Amerino all’ attenzione del Governo. “È fondamentale che – dice – le istituzioni nazionali e regionali intervengano in modo deciso per il salvataggio di questo marchio storico”.

(Fonte: Corriere Dell’Umbria)

Il futuro di Sangemini e Amerino all’attenzione del Senato

365

Alessandrini (Lega) annuncia di essersi attivata per chiedere in commissione e al Mise l’apertura di un tavolo di confronto

TERNI – 24 agosto 2021 – Del futuro della Sangemini e dell’Amerino, le due realtà industriali in provincia di Terni che fanno parte del Gruppo Ami (Acque minerali d’Italia) si parlerà anche in Senato. Ad annunciarlo è la senatrice della Lega del collegio umbro, Valeria Alessandrini. “Ho recepito le istanze e le preoccupazioni degli esponenti Lega dell’amministrazione comunale di San Gemini, Ambra Giacomelli, Federica Montagnoli e Graziano Soli, e del referente Lega Comprensorio Flaminia, David Veller – spiega la senatrice – riguardo la situazione dello stabilimento locale di Acque Minerali d’Italia Spa e mi sto attivando per portare la vicenda in commissione al Senato ed al Mise, chiedendo maggiore attenzione e la riapertura di un tavolo di confronto”. “È fondamentale – sottolinea ancora Alessandrini – che le istituzioni nazionali e regionali intervengano in maniera decisa per il salvataggio di questo marchio storico rappresentativo della comunità di San Gemini, per salvaguardare i livelli occupazionali ed avere chiarezza sul futuro di questa eccellenza del nostro territorio. Mentre la sinistra e le minoranze a San Gemini – continua – cercano di fare soltanto rumore senza proporre soluzioni, chiedendo la ripetizione di consigli comunali, noi della Lega ci stiamo muovendo concretamente per risolvere la situazione e ridare dignità alla fabbrica, ai suoi lavoratori e a tutte le persone coinvolte. Un atto doveroso verso i dipendenti e verso un’area che in questi anni è stata vittima di continui rimandi o prese in giro e che non merita assolutamente questo trattamento. I dipendenti e le loro famiglie esigono rispetto e chiarezza e noi siamo con loro per favorire una ripresa reale che scongiuri una crisi economica e sociale”, conclude Alessandrini.

(Fonte: Corriere Dell’Umbria)

San Gemini, operaio muore sul lavoro

1.320

L’uomo è stato schiacciato contro un muro dal mezzo con cui stava effettuando dei lavori di spurgo. Inutili i soccorsi

SAN GEMINI – 29 luglio 2021 – Un uomo di 60 anni di origini albanesi, residente a Terni e dipendente di una ditta privata specializzata nello spurgo di fognature, è morto nel pomeriggio di giovedì a seguito di un incidente sul lavoro avvenuto a San Gemini, a poca distanza dalla piazza principale.

L’uomo – secondo una prima ricostruzione – è stato schiacciato contro un muro dal proprio mezzo da lavoro che si è sfrenato mentre, lungo una strada in pendenza, era impegnato nelle operazioni di autospurgo.

Inutili i soccorsi da parte del 118 a causa dei traumi riportati dal sessantenne. Sulla dinamica dell’incidente sono in corso rilievi da parte del personale del Servizio prevenzione e sicurezza luoghi di lavoro dell’Usl Umbria 2, supportati dai carabinieri della stazione di San Gemini.

(Fonte: ANSA)
   

Acquasparta, tirocinio presso il Comune

341

Aperto un tirocinio extracurricolare nel settore turismo e cultura presso il Comune di Acquasparta. Tempo sino al 28 luglio

ACQUASPARTA – 12 luglio 2021 – Dalle ore 12.00 del giorno 8 luglio 2021 alle ore 14.00 del giorno 28 luglio 2021 è possibile effettuare la candidatura per la frequenza di un tirocinio extracurricolare nel settore turismo e cultura presso il Comune di Acquasparta. Per qualsiasi informazione e per visionare l’Avviso completo è possibile consultare le news nel sito istituzionale del Comune di Acquasparta (https://comune.acquasparta.tr.it/news/75-reclutamento-allievi-per-il-percorso-formativo-integrato–avvisi-per-reclutamento-allievi/).

(Comunicato Stampa Comune di Acquasparta)

Acquasparta, chiude il Dael Market

1.795

Notizia del tutto inaspettata quella ricevuta dai dipendenti del noto discount sito sulla Via Tiberina

ACQUASPARTA – 1° maggio 2021 – Una notizia che stride di certo con il clima che la giornata di oggi porta obbligatoriamente con sé. Nel giorno in cui il Lavoro viene festeggiato e degnamento omaggiato, ci sono infatti una decina di lavoratori che, invece, il loro impiego lo hanno perso. Stiamo parlando degli assunti presso il noto supermercato discount “Dael” sito sulla Via Tiberina ad Acquasparta. Alcuni giorni fa, difatti, gli impiegati presso il punto vendita hanno ricevuto l’inaspettata notizia della sua chiusura da parte dei proprietari, lasciando tutti abbastanza stupiti anche in relazione al fatto che, soprattutto per le sue convenienti offerte, il punto vendita era piuttosto ben frequentato. Ieri, 30 aprile, l’ultimo giorno di apertura al pubblico. Rimane ora da stabilire quale sarà la nuova funzione dell’immobile una volta del tutto sgomberato dalla merce rimasta invenduta.

Nicolò Sperandei