Sette milioni per l’ultimo stralcio della Tre Valli

Sette milioni per l’ultimo stralcio della Tre Valli

305

Progetto preliminare verso la revisione. Assessore regionale Melasecche: “Entro giugno quadro completo e tempi”

PERUGIA – 27 dicembre 2021 – “Ottenuti 7 milioni per la revisione del progetto preliminare dell’ultimo stralcio di completamento della statale Tre Valli”, ossia per il tratto che da Firenzuola raggiungerebbe con una galleria la E45, precisamente in prossimità dello svincolo di Acquasparta, collegando così la Valnerina e anche lo Spoletino alla statale. Lo ha detto l’assessore regionale ai lavori pubblici, Enrico Melasecche, nell’ambito della conferenza stampa di fine anno della giunta, spiegando che “entro giugno, proprio grazie alla revisione progettuale, avremo un quadro molto più chiaro sui costi e sui tempi di realizzazione dell’ultimo stralcio della Tre Valli, per il quale andremo a chiedere il finanziamento nell’ambito del contratto di programma”, lo strumento con cui il Governo assegna le risorse ad Anas per realizzare le infrastrutture. I costi del tratto Firenzuola-E45, comunque, secondo l’assessore dovrebbero girare intorno “ai 300 milioni di euro, a cui si aggiungono gli 82,5 milioni già ottenuti per il primo stralcio Madonna di Baiano-Firenzuola”. Per quest’ultimo tratto, infatti, con l’approvazione da parte del Cipess (ex Cipe) dell’aggiornamento 2020 del contratto di programma Anas 2016-2020, l’estate scorsa sono arrivati i finanziamenti per realizzare i circa 4,4 chilometri di statale di cui si compone, mentre risale alla fine dell’ottobre scorso il via libera della giunta regionale al progetto definitivo. Per Madonna di Baiano-Firenzuola, in base a quanto ricostruito con gli atti, sarà necessario costruire “la galleria artificiale Romanella da 173 metri, con la strada che poi proseguirà in trincea e in rilevato fino alla seconda galleria artificiale, la Colle del Vento, lunga 252,2 metri”. Il tracciato, poi, prosegue entrando nella “valle del Marroggia, scavalcando – si legge nella delibera di giunta – l’omonimo torrente con il viadotto Marroggia 1, lungo 933,5 metri, e successivamente, dopo mezzo chilometro di tratto in rilevato, prosegue con il viadotto Molino vecchio, lungo circa 760 metri, che arriva quasi all’attuale svincolo di San Giovanni di Baiano”. “Per la fine del mandato di questa amministrazione regionale – ha detto Melasecche – sarebbe di grande soddisfazione non soltanto vedere iniziati i lavori del primo stralcio (Baiano-Firenzuola, ndr), ma anche l’ultimo cantiere (Firenzuola-E45, ndr) e faremo di tutto per riuscirci”. Sempre l’assessore, poi, ha fatto il punto sull’altra grande opera attesa per il territorio. Si tratta del raddoppio ferroviario Spoleto-Terni, “che sarà a doppia canna” ha detto aggiungendo che “Rfi ci ha assicurato che entro gennaio sarà assegnata a Italferr la revisione progettuale anche di questa opera, che cuba – tra i 600 e i 700 milioni di euro, perché richiederà una galleria ferroviaria a doppia di canna da circa 19 km”. 

(Fonte: Corriere Dell’Umbria)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.