Le “ragazze incorreggibili” dell’AMC ’98

Le “ragazze incorreggibili” dell’AMC ’98

1.091

Una simpatica serata in compagnia del gruppo calcistico femminile della locale polisportiva dilettantistica

QUADRELLI – 23 aprile 2021 – Una promozione per il calcio territoriale, e per quello femminile in generale, quella che è andata in onda ieri sera su Studio 21 di Adriano Bernardini. Ospiti della serata sono state infatti le “ragazze magiche” della squadra di calcio a 5 dell’AMC ’98 di Acquasparta, Montecastrilli ed Avigliano Umbro. Una provenienza geografica variegata che già va a ben identificare come questo movimento sportivo possa fare da ottimo collante in un territorio così vasto. Ospiti in studio insieme ad Adriano Bernardini, il padrone di casa, sono state Lara Altobelli, Alisia Terenziani e “la capitana” Chiara Schiavella. In collegamento da casa, invece, Monica Sfiligoi, Elena Petrucci, Alessandra e Rachele Fazi.

Dall’alto in basso: Adriano Bernardini, Lara Altobelli, Chiara Schiavella, Alisia Terenziani, Elena Petrucci, Monica Sfiligoi, Alessandra e Rachele Fazi

Altobelli: “Siamo qui per farci largo tra gli uomini” Ad aprire le danze è stata Lara Altobelli: “Siamo innanzitutto ben felici di accettare nuove eventuali sponsorizzazioni. Il nostro attuale sponsor è il ristorante-pizzeria L’Erbavoglio di Montecastrilli, mentre sino all’anno scorso è stato il Supermercato Eurospin sito nel Centro Commerciale ‘Le Cese'”. “Questa sera siamo qui – ha proseguito la Altobelli – per farci largo in un mondo prevalentemente maschile, trovando sempre maggiore consenso. Tutto è nato grazie ad una serie di semplici partite disputate tempo fa a Portaria, nel comune di Acquasparta. Dopo queste gare ci proposero di andare a chiedere alla AMC ’98 se loro avessero avuto voglia di darci spazio: ci hanno accolto bene sin da subito, tanto che iniziammo poco dopo con preparazione atletica ed allenamenti. Come prime ‘guide’ abbiamo avuto Giuseppe Guzzi (mister) ed Alessio Tondi (preparatore atletico). La squadra si è con il tempo allargata, grazie anche al passaparola. Attualmente sono cinque anni che ci svaghiamo con il pallone fra i piedi. Ammettiamo di non essere il massimo della bravura, ma noi ci divertiamo tantissimo, il gruppo è molto affiatato e questo per noi è ciò che conta realmente”.

Schiavella: “Grande grazie alla società” Dopo un breve intervento di Monica Sfiligoi, la quale ha narrato dei suoi vecchi trascorsi calcistici e del suo re-innamoramento grazie al gruppo femminile AMC ’98, la palla è passata a Chiara Schiavella: “Attualmente i campionati sono fermi – ha iniziato la Schiavella – e, secondo le ultime comunicazioni avute dal CSI, noi dovremmo riprendere il 10 maggio, questo se la situazione rimarrà quella attuale, se non migliore, e non arriveranno ulteriori nuove notizie. Vorrei esprimere un grande grazie al mio Presidente (Walter Parisse, n.d.r.) ed alla società AMC ’98 per averci comunque data la possibilità di allenarci in forma individuale”.

Ricci: “Orgogliosi del gruppo femminile” È poi arrivata la telefonata in diretta del dirigente sportivo Claudio Ricci, colui che segue il gruppo femminile in questione insieme al Mister Fausto Persichetti. “Siamo orgogliosi come società del nostro gruppo calcistico femminile – ha esordito Ricci – e speriamo di poter riprendere al più presto le attività. Un grazie va a Chiara e Lara, artefici di questo progetto insieme ad Ilaria Venturi. Siamo molto attenti alle loro attività e speriamo di poter incrementare anche il settore giovanile con una scuola calcio femminile. Con la scuola calcio élite stiamo infatti lavorando sugli istituti scolastici dei tre comuni a cui facciamo riferimento, Acquasparta, Avigliano Umbro e Montecastrilli. Le ragazze vogliose di partecipare a questa nuova attività non mancano. Attualmente – ha aggiunto Ricci – siamo l’unica realtà femminile del territorio ad essere presente in un campionato CSI. Per una questione di numeri, purtroppo, attualmente non possiamo creare una squadra di calcio a 11 femminile, che richiede poi molto più impegno e spazi diversi. Anche se attualmente è tutto fermo, la ragazze continuano ad essere unite, allenandosi e continuando ad incontrarsi anche al di fuori del terreno di gioco. Siamo riusciti poi – ha concluso Ricci – a far selezionare una nostra giocatrice dalla Ternana Calcio”.

Persichetti: “Gruppo straordinariamente unito” Dopo alcune battute fra le varie ragazze presenti in trasmissione, è poi arrivata la telefonata di Mister Fausto Persichetti. “Non posso ancora stilare alcuna pagella – ha affermato Persichetti – ma posso dire che da quando le ho viste la prima volta sino ad arrivare ad oggi c’è stato un cambiamento evidente. Vedremo poi in futuro se sarà stato in meglio o in peggio dal punto di vista tecnico e calcistico, ma vedo le ragazze molto più coinvolte e prese da questa nuova avventura. Sono elementi che si notano molto di più rispetto ai gruppi maschili. In molti casi è la convinzione a fare la differenza”.

Altobelli: “Fausto è trascinatore incredibile” “Per motivi personali – ha affermato poi la Altobelli – ho potuto partecipare poco alle attività di questa stagione sportiva, ma non ho mancato di seguire il gruppo e vedere come Fausto riesca a trascinare le ragazze ed a coinvolgerle anche essendo in panchina è qualcosa di davvero incredibile. Un grande grazie va anche al DS della AMC, Aulo Guiducci, che per noi si impegna tantissimo, anche a livello burocratico. Altri ringraziamenti vanno poi a Claudio Ricci, impegnato con noi a livello dirigenziale, ed al presidente Walter Parisse, il quale non ha mai voluto niente in cambio, anche a fronte di risultati sportivi non soddisfacenti. Ci ha poi anche seguito come medico, soprattutto in questo periodo di pandemia”.

“Chiunque volesse può venire a giocare con noi” La Altobelli ha poi espresso un caloroso invito: “Chiunque volesse entrare a far parte del nostro gruppo è assolutamente benvoluta, dai quattordici anni in su. Stiamo poi cercando di creare la scuola calcio femminile, così da poter coinvolgere anche ragazze di età inferiore”. “In estate – ha aggiunto la Schiavella – provvederemo poi ad organizzare degli open-day, purtroppo in precedenza frenati dalla ripresa della pandemia”. “Siamo rimaste estremamente stupite – ha ribattuto la Altobelli – dalla partecipazione agli open-day dello scorso anno da parte delle ragazze del posto, curiose di questa nostra esperienza”.

Oltre alla lunga chiacchierata, sono state mostrate foto e video delle ragazze in attività e sono emersi anche alcuni aneddoti come la canzone “ufficiale della squadra”, che è La dura legge del goal degli 883, ed il grido di battaglia delle ragazze, ideato da Alessandra Fazi: “Jimo ju a malloppo!”. Simpatica, infine, l’idea di Adriano Bernardini, ovvero quella di scrivere un inno inedito per la squadra femminile dell’AMC ’98.

Nicolò Sperandei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.