Presentato in Provincia il Festival Acquamadre

94

L’evento di quest’anno sarà dedicato all’inaugurazione del Moff’art alla Foresta Fossile

AVIGLIANO UMBRO – 1° settembre 2022 – Al via la nuova edizione di Acquamadre/Nonfestival, un programma di eventi inerenti le scienze e le arti applicate ideato dalla cooperativa Surgente, guidata dal presidente Massimo Manini (nella foto). La manifestazione si svolgerà ad Avigliano Umbro da sabato 3 a domenica 11 settembre suddivisa in due week end: 3, 4 e 9, 10 e 11 settembre. La presentazione del Festival si è tenuta ieri nella Sala del Consiglio della Provincia di Terni alla presenza dei due vice-sindaci di Avigliano Umbro Valentina Frasconi e Daniele Marcelli e del presidente della Cooperativa Surgente Massimo Manini.

L’evento di quest’anno viene dedicato all’inaugurazione del Moff’art, il museo open della foresta fossile di Dunarobba ad Avigliano Umbro: 50 chilometri quadrati di pura bellezza ed eventi per 365 giorni all’anno, che traccia così una nuova strada e una nuova visione nel vasto mondo dei cosiddetti musei open o a cielo aperto.

Come in ogni museo, anche il Moff’art ha il suo corridoio e le sue stanze. E poi il sentiero dei sensi ridesti con i suoi cinque storici borghi (Avigliano Umbro, Dunarobba, Sisma, Toscolano e Santa Restituta), un cammino di 50 chilometri da percorrere a piedi o in mountain bike. 

«Il Moff’art – è stato spiegato dal presidente di Surgente Massimo Manini (anche direttore artistico dell’evento) e dal vicesindaco di Avigliano Umbro – è la sintesi concettuale e materiale di un processo creativo ed economico insieme, frutto di quella capacità di ottimizzare gli elementi che non tutti hanno. L’opera, realizzata insieme all’amministrazione comunale, vuole privilegiare la persone e il territorio. Coniuga infatti pensiero, arte e tecnica, mettendo in equilibrio persone, ambiente e paesaggio, definendo una nuova idea di ‘Spazio espositivo all’aperto’, in cui la comunità e i suoi beni patrimoniali sono i principali e permanenti protagonisti. Perché il Moff’art non è il luogo in cui l’arte o l’operato umano si fissano in un tempo che ora è già passato; è invece un non luogo presente e futuro, in cui ogni giorno la vita si trasforma offrendo al territorio, nuovi spunti su cui riflettere. Come in ogni museo, anche il Moff’art ha il suo corridoio e le sue stanze. Con i suoi 5 storici borghi di Avigliano Umbro, Dunarobba, Sisma, Toscolano e Santa Restituta, un cammino di 50 chilometri da percorrere a piedi o in mountain bike, ideato per risvegliare i tanti sensi di ognuno. Tra una stanza e l’altra, le infinite finestre che si affacciano su un giardino coltivato a umanesimo del più giovane comune dell’Umbria, regalando vedute e paesaggi di nobili semplicità. È questo che rende straordinario il contenitore Moff’art, il cui concetto più approfondito, troverà spazio in una guida e una cartina opportunamente dedicate, oltre alle tracce gpx utili a camminatori e bikers».

In una concezione museale del territorio, «’Acquamadre/Nonfestival’ è la legenda che sta all’ingresso di questa galleria d’arte varia, indirizzando i percorsi dei visitatori attraverso esperienze interdisciplinari: non per porli nel mezzo di un confronto – hanno concluso – ma per offrire loro possibili punti di vista su un unico tema, che quest’anno è interiormente. Tanti gli appuntamenti lungo un programma di 5 giorni distribuito in due weekend, sabato 3 e domenica 4, e poi a chiudere venerdì 9, sabato 10 e domenica 11 settembre, per declinare il tema in base al proprio ambito».

Nella fotografia copertina, da sinistra a destra, Valentina Frasconi (vice-sindaco Avigliano Umbro), Massimo Manini (Coop. Surgente) e Daniele Marcelli (vice-sindaco Avigliano Umbro).

(Fonte: Corriere Dell’Umbria)

Neri Marcorè protagonista a San Gemini

121

“Suoni Controvento”, festival estivo di arti performative promosso da Aucma arriva a San Gemini

SAN GEMINI – 31 agosto 2022 – Domani alle 21 in piazza San Francesco c’è Neri Marcorè con “Le mie canzoni altrui”: un concerto nel quale il popolare attore e conduttore torna alla sua prima passione, la musica, e senza far mancare la sua ironia spazia nel mondo dei cantautori italiani e stranieri, dal folk al pop, inanellando pezzi noti e meno noti che in qualche modo rappresentano la sua formazione musicale, legata a esperienze di vita personali o semplicemente al piacere di coinvolgere il pubblico nella condivisione di un patrimonio musicale comune. Con lui Domenico Mariorenzi alla chitarra acustica, al bouzouki e al pianoforte, Fabrizio Guarino alla chitarra elettrica, Alessandro Patti al basso e contrabbasso, Simone Talone alla batteria e le voci di Flavia Barbacetto e Angelica Dettori. Prevendite dei biglietti sui circuiti TicketItalia e TicketOne. L’evento fa parte  di “Suoni Controvento”, festival estivo di arti performative promosso da Aucma.

(Fonte: La Nazione Umbria)

Foresta Fossile, si inaugura il Museo Open

159

Presentazione in provincia mercoledì 31 agosto

DUNAROBBA – 28 agosto 2022 – Si chiama “Acquamadre/Nonfestival 2022” l’evento che si svolgerà ad Avigliano Umbro dal 3 all’11 settembre e all’interno del quale verrà inaugurato il Moff’art/Museo Open Foresta fossile insieme Sentiero dei Sensi Ridesti, un progetto ideato dalla cooperativa di comunità Surgente che gestisce la Foresta fossile e il Centro di paleontologia vegetale di Dunarobba. L’iniziativa verrà presentata mercoledì prossimo alla Provincia di Terni. Il festival si struttura in eventi inerenti le scienze e le arti.

(Fonte: Corriere Dell’Umbria)

Palazzo Cesi, laboratori e concerti del Lied tedesco

70

Presenti anche sette artisti dell’Ecuador

ACQUASPARTA – 27 agosto 2022 – Sono in pieno svolgimento fino al 3 settembre ad Acquasparta, per la seconda edizione, il corso internazionale di Opera, Lied e Oratorio in lingua tedesca e il laboratorio lirico su La Cenerentola di Rossini, organizzati dall’associazione Bel Canto di Foggia.

L’evento si svolge nella suggestiva cornice di Palazzo Cesi, con il patrocinio dei Comuni di Acquasparta, Massa Martana, Todi, Bevagna e Firenze che ospiteranno le repliche degli eventi a Palazzo Cesi. Il corso annovera anche la presenza di sette artisti dell’Ecuador, grazie al contributo del ministero ecuadoregno alla cultura che ha finanziato e patrocinato l’iniziativa.

Con i concerti degli artisti partecipanti al corso si parte oggio, nella Sala del trono di Palazzo Cesi. In programma Opera e Lied, al pianoforte M° Onofrio Gallina, Oleksandra Danylchenko. Debora Tempestini. Il 28 agosto prima recita de La Cenerentola di Rossini presso il teatro Consortium di Massa Martana (Pg) ore 21, Maestro concertatore Debora Tempestini.

Domani concerto dell’Ensemble vocale del corso Internazionale, presso il Duomo di Todi “La vocalità Bachiana” ore 20, con la partecipazione straordinaria del soprano M. G. Cianci, all’organo Debora Tempestini.

(Fonte: La Nazione Umbria)

 

Toscolano, una mostra sulla cultura asiatica

161

AVIGLIANO UMBRO- 18 AGOSTO 2022 – Sabato 20 Agosto alle 17.30 sarà inaugurata la mostra fotografica “ASIAN GLANCES, L’Asia attraverso i suoi sguardi” di Rick Margiana.

Open air, fra le viuzze dello splendido borgo medievale di Toscolano (Avigliano Umbro) nei prossimi giorni sarà possibile ammirare 50 grandi immagini realizzate in pellicola tra il 1998 e il 2010 che raccontano frammenti di vita, culture e differenze dei posti più remoti dell’Asia . Sarà un’occasione per guardare una consistente parte di mondo da un punto di vista diverso, andando a “scrutare” attimi di vita quotidiana.

L’evento è organizzato dall’amministrazione comunale di Avigliano Umbro in collaborazione con il circolo ANSPI di Toscolano con l’intenzione di portare l’arte nei borghi delle frazioni per valorizzare il territorio ed attirare visitatori in esso.
La mostra andrà avanti fino a domenica 28 Agosto.

 

Luca Proietti

Avigliano Umbro, un Angolo d’artista nelle vetrine dei negozi

126

Fino al 21 agosto le attività commerciali espongono quadri, sculture, foto, installazioni e altre opere

AVIGLIANO UMBRO – 13 agosto 2022 – L’Agosto aviglianese è anche arte con la manifestazione “Angolo d’artista 2022”, un’esposizione di opere d’arte per valorizzare il lavoro e le abilità di artisti locali e non solo. Un connubio vincente tra arte ed attività commerciali: all’interno dei negozi e locali di Avigliano Umbro, fino al 21 agosto, sono esposti quadri, installazioni, sculture, oggetti, fotografie, per far conoscere il lavoro degli artisti, sostenere le attività commerciali e vivacizzare la vita del paese.

La manifestazione ha preso il via con l’inaugurazione performance “Fumo nero” degli artisti Igor Borozan ed Elisabetta Casamassima. Quest’anno è stato dato spazio anche ai bambini, sia nella fase espositiva con uno spazio dedicato ai piccoli artisti in biblioteca, sia con l’esposizione delle opere di 3 giovani artiste in erba Vittoria, Sara e Viola. Oltre ad una maggiore adesione di espositori e all’immancabile disponibilità dei commercianti, la manifestazione è stata arricchita da una mostra d’arte allestita nella biblioteca comunale, collaterale alle esposizioni nei negozi e locali del centro abitato.

La mostra dal titolo “Arte in biblioteca”, ha la doppia finalità di valorizzare lo spazio biblioteca con le opere d’arte e di riavvicinare i cittadini ai libri e al piacere della lettura (fino a domani, orario di apertura 21-24). Oggi si conclude Salotto sotto le stelle con una novità: “Nox Ludi 2022 – Una notte estiva di svago e diletti in onore della famiglia Vici”, spettacolo divertente in una piazza dall’atmosfera seicentesca col Giullare e Madama Linuccia, interpretati da Alban Guillon e Martina Giannini.

(Fonte: Corriere Dell’Umbria)

Biblioteca di Avigliano umbro, un murales contro la guerra

190

Al Festival Cesi musicisti di fama mondiale

172

Presentata la quindicesima edizione della rassegna in programma tra Terni, Acquasparta, Montecastrilli e San Gemini 

TERNI – 19 luglio 2022 – Musica classica in location a cielo aperto e palazzi seicenteschi con performer di fama mondiale. Questo in sintesi la 15esima edizione del Festival Federico Cesi. Un suggestivo mix di elementi che comprende nove concerti ed un seminario di approfondimento. Il Festival si concluderà il 25 agosto e toccherà vari comuni del Ternano, tra cui Acquasparta, Montecastrilli e San Gemini.

Fiore all’occhiello di questa edizione sarà l’esecuzione della Sinfonia corale n. 9 opera 125 di Beethoven per soli, coro e orchestra, che rappresenta l’opera più impegnativa e simbolica del compositore. Una produzione imponente, in programma domani sera alle 21,30 all’anfiteatro romano di Terni, che coinvolgerà oltre 130 musicisti con 3 formazioni corali preparate da Maria Cristina Luchetti ed Annalisa Pellegrini. Si esibiranno i cori Cantoria Nova Romana, San Francesco d’Assisi di Terni, Novum Convivium Musicum; l’Orchestra Internazionale di Roma; ed un cast internazionale dei solisti con Giorgia Costantino (soprano), Aleksandra Papenkova contralto), Stefano Latini (tenore), Vladimir Jindra (baritono). Il tutto sarà concertato e diretto dal maestro Antonio Pantaneschi. Uno spettacolo, ad ingresso libero, organizzato in collaborazione con il Comune di Terni e con Unitalsi (Unione nazionale italiana trasporto ammalati a Lourdes e santuari internazionali) Terni, a cui andrà il ricavato della raccolta fondi promossa durante il concerto.

Il concerto di domani all’anfiteatro – sottolinea l’assessore comunale alla cultura, Maurizio Cecconelli – è un evento nell’evento, di assoluto spessore musicale e di valenza sociale. Questo Festival, che è presente in più territori, porta un valore aggiunto alla nostra regione”. Gli fa eco l’assessore comunale alle politiche sociali, Cristiano Ceccotti: “Il concerto in programma di domani è un grande evento che lega l’amore con la musica”. Seguiranno gli altri appuntamenti che si terranno nei comuni di Acquasparta (palazzo Cesi), Montecastrilli (piazza Umberto I e chiesa di San Nicolò) e San Gemini (teatro Comunale). Tutti i concerti, grazie al sostegno della Fondazione Carit, sono a ingresso libero ed è consigliata la prenotazione. “Anche questa edizione del Festival Federico Cesi – spiega il sindaco, Leonardo Latini, durante la conferenza stampa di palazzo Spada haun programma di alto livello che dimostra come una collaborazione a 360 gradi, messa in piedi con varie realtà istituzionali ed associative del territorio, possa raggiungere risultati importanti sotto più punti di vista: culturale, artistico e sociale”.

Pietro Fioretti, presidente Unitalsi Terni, informa che l’associazione assiste persone con disabilità, ammalati e persone anziane anche nel loro domicilio che, secondo i dati nazionali, corrispondono a circa il 17 % della popolazione umbra. “Per questo ci vuole personale e soldi – dice Fioretti – per continuare la nostra mission”. Presenti alla conferenza stampa anche Federica Montagnoli, assessore alla cultura del comune di San Gemini, Guido Morichetti, assessore alla cultura di Acquasparta, Riccardo Aquilini, sindaco di Montecastrilli.

Quest’ultimo ha sottolineato che “la musica e un collante che fa sì che si mettano insieme tante realtà con un unico obiettivo: promuovere il turismo in Umbria.”. Presenti anche Annalisa Pellegrini e Stefano Palamidessi, direttore artistico e organizzativo del Festival, che hanno illustrato il cartellone della 15esima edizione. Dopo il concerto di domani, lunedì 25 luglio (21,30) a palazzo Cesi di Acquasparta: “Follia Barocca”. 

(Fonte: Corriere Dell’Umbria)

Acquasparta, Fiorucci presenta l'”Uomo Nero”

165

Presentazione domani alle ore 17 a Palazzo Cesi

ACQUASPARTA – 8 luglio 2022 – «A quella l’hanno tritata». L’intercettazione choc tra un seminarista che dice di sapere dove è finito il cadavere di Sonia Marra: «Nell’immondizia». E un parroco interessato a conoscere la storia della 25enne pugliese scomparsa da Perugia a novembre del 2006, sembra non aver lasciato il segno. Diventata polvere. Ma è lo spunto per ripercorrere le tappe processuali di quel delitto irrisolto, da parte di Alvaro Fiorucci, giornalista d’inchiesta. Che la pubblica per intero nel libro “L’uomo nero.

La scomparsa di Sonia Marra” (Morlacchi editore). «Quello della scomparsa di Sonia Marra è un vero giallo giudiziario afferma l’autore – concluso con l’assoluzione piena dell’unico imputato e senza il ritrovamento del cadavere della vittima». È curioso come Alvaro Fiorucci, che di storie strane ne ha trovate e scritte tante, si soffermi a parlare di quell’intercettazione: «È il 24 ottobre del 2011 quando i carabinieri di Todi intercettano due religiosi nell’ambito di un’operazione antidroga». A luglio del 2012, il seminarista e il parroco vengono convocati in procura per rendere conto dei dialoghi intercettati dai militari dell’arma ma negano di sapere qualcosa e, anzi, uno dei due ritratta. Anche le affermazioni sul “giro” di droga, sesso e soldi: «Sai che alla fine ci rimettono sempre io più deboli », hanno incuriosito Fiorucci. Come se Sonia Marra fosse stata tolta di mezzo perché aveva assistito a qualcosa o aveva semplicemente sentito qualcosa.

Il giallo della scomparsa di questa ragazza resta sospeso e quelle parole, alla fine, mai chiarite. Il libro di Alvaro Fiorucci sarà presentato domani ad Acquasparta (ore 17) nell’ambito della rassegna Lib(e)ri a Palazzo.

(Fonte: Messaggero Umbria)

Acquasparta, il mistero della statua lignea ritrovata

430

Oggi pomeriggio alle 17 a Palazzo Cesi la presentazione del libro “Le tavole Gnoli e la Statua della Madonna della Stella di Acquasparta”

ACQUASPARTA – 15 giugno 2022 – Pacchi anonimi, incontri casuali e reperti preziosi. Acquasparta scopre i suoi tesori e racconta la storia un ritrovamento che ha del rocambolesco. L’occasione è oggi alle 17 a Palazzo Cesi quando si terrà la presentazione del volume “Le tavole Gnoli e la Statua della Madonna della Stella di Acquasparta” seconda pubblicazione della collana collana editoriale “Biblioteca di Storia Locale” a cura dell’Associazione Culturale Lynks.

Protagonista, come recita il titolo, sarà la statua, veneratissima in città, della Madonna della Stella protettrice di Acquasparta. Una scultura lignea, risalente all’VIII secolo, che raffigura la Vergine seduta in trono con in braccio Gesù bambino, oggi conservata nella cappella Liviani Cesi nella basilica di Santa Cecilia. «Nel 2017 – racconta l’assessore alla cultura Guido Morichetti (foto di copertina) – Romano Cordella (esperto di storia del territorio, n.d.r.) segnalò a Mauro Masci (restauratore, n.d.r.) di aver visionato delle tavole restaurate a Spoleto raffiguranti una veduta medievale di Acquasparta chiedendogli aiuto sull’interpretazione delle iscrizioni». Due sportelli dipinti a tempera su entrambi i lati che presentano fori per i cardini sul lato esterno, dunque molto probabilmente erano le ante di un armadio o di una nicchia.

«Nessun legame però – precisa Morichetti – poteva essere ipotizzato con la struttura della statua che abbiamo in città, ma si trattava comunque di un ritrovamento eccezionale perchè raffigurante un’Acquasparta che non esiste più (nel 1499 la città venne cannoneggiata dai ghibellini riportando danni gravissimi a tutto l’abitato, n.d.r.)». Poi il colpo di scena. «Qualche tempo dopo – continua Morichetti – il parroco di Acquasparta don Alessandro Fortunati ricevette un pacco. Una spedizione anonima, che conteneva alcuni testi antichi appartenenti alla parrocchia, poi andati dispersi.

In uno di questi è contenuta la conferma che quelle tavole lignee facessero parte di un tutt’uno con la statua di Acquasparta. Probabilmente si trattava delle ante che racchiudevano la scultura». Le opere, probabilmente acquistate presso qualche antiquario da Umberto Gnoli, sono artisticamente riferibili alla scuola umbra della fine del XV secolo. Oggi sono di proprietà del Comune di Spoleto a cui lo stesso Gnoli le ha donate.

«Avvieremo le interlocuzioni con il comune di Spoleto – chiude Morichetti – per vagliare la possibilità che possano tornare a riunirsi con la statua della Madonna della Stella, come doveva essere in origine».

(Fonte: Messaggero Umbria)

San Gemini, programma ricco… mi ci ficco!

363

SAN GEMINI – 14 giugno 2022 – Ricchissimo e vastissimo il programma degli eventi dell’Estate Sangeminese 2022 ideato e curato dal Comune di San Gemini insieme alle varie associazioni locali. Qui di seguito tutte le attività previste:

28 maggio-19 giugno MOSTRA PAOLA GANDOLFI “CHIAMATA URBANA URGENTE” presso la Stazione di Posta a cura dell’Associazione Valorizzazione del Patrimonio Storico San Gemini con il Patrocinio del Comune

29 maggio-26 giugno MOSTRA FOTOGRAFICA GEORGE TATGE “LA VALLE INCANTATA” venerdì, sabato e domenica dalle 9 alle 19 presso la Sala Santa Maria Maddalena a cura del Comune-Progetto La Valle Incantata

9 giugno ore 21.00 CONCERTO TODAY LIVE-Butt Splitters e Signorine Buonasera presso il Teatro Comunale a cura di Terni Today-Istess-Valter Vincenti-Christian Cinti e del Comune

18-19 giugno INFIORATA SANGEMINESE ed ESTEMPORANEA DI PITTURA

Chiostro San Francesco e Centro Storico a cura del Gruppo Infioratori San Gemini, della Pro Loco, dell’Associazione Commercianti ed Artigiani, della Parrochia e del Comune

25 giugno dalle ore 20.00 LA NOTTE ROMANTICA DEI BORGHI PIU’ BELLI D’ITALIA E DELLE TERRE DEI BORGHI VERDI a cura del Comune:

21.30 rappresentazione teatrale “CANOVA DALLA VALLE ANTICA ALLA VALLE INCANTATA” di e con STEFANO DE MAJO (Bando Regionale Turismo Terre dei Borghi Verdi) ed a seguire intrattenimento musicale con VANESSA LIODORI.

Menù romantici ed aperitivi romantici nei locali del borgo decorato con fiori, cuori, candele ed installazioni.

️26 giugno ore 18.30 INAUGURAZIONE DELLA FACCIATA DELLA CHIESA DI SAN FRANCESCO alla presenza del Vescovo Monsignor Soddu a cura dell’Associazione Valorizzazione del Patrimonio Storico San Gemini

8 luglio ore 21.00 CONCERTO “Cercando l’alba dentro l’imbrunire” TRIBUTE BAND FRANCO BATTIATO in Piazza Duomo a cura dell’Associazione Accademia del tempo libero in collaborazione con il Comune

16 luglio ore 21.30 CONCERTO DELLA BAND STRANAVOGLIA (musica dagli anni ‘90 in poi) in Piazza San Francesco a cura del Comune

29 luglio ore 21.45 SANGEMINI CLASSIC in Piazza Duomo con il patrocinio del Comune

30 luglio ore 21.00 CONCERTO INAUGURALE FESTIVAL DEI COLLI X ANNO Mariusz Drzewicki pianoforte e Aleksandra Drzewicka soprano, presso il Teatro Comunale, a cura dell’Associazione Acart con il Patrocinio ed in collaborazione con il Comune

2 agosto ore 21.00 CONCERTO FESTIVAL DEI COLLI Katarzyna Kling pianoforte, presso il Teatro Comunale, a cura dell’Associazione Acart con il Patrocinio ed in collaborazione con il Comune

4 agosto ore 21.30 FESTIVAL FEDERICO CESI Musiche dai film di Age e Scarpelli, presso il Teatro comunale, in collaborazione e con il Patrocinio del comune

5 agosto ore 21.45 SANGEMINI CLASSIC in Piazza Duomo con il patrocinio del Comune

️10 agosto LA NOTTE DEI DESIDERI, letture ed intrattenimento per bambini presso il Chiostro di San Francesco a cura del Comune

11 agosto ore 21.00 CONCERTO FESTIVAL DEI COLLI Caterina Goglione pianoforte, presso il Teatro Comunale, a cura dell’Associazione Acart con il Patrocinio ed in collaborazione con il Comune

12 agosto ore 21.45 SANGEMINI CLASSIC in Piazza Duomo con il patrocinio del Comune

13-14 agosto ore 21.30 FEFESTIVAL in piazza San Francesco a cura dell’ Osteria Pecora Nera in collaborazione e con il patrocinio del Comune

15 agosto ore 21.30 CONCERTO FESTIVAL DEI COLLI Witold Holtz pianoforte, presso il Teatro Comunale, a cura dell’Associazione Acart con il Patrocinio ed in collaborazione con il Comune

18 agosto ore 21.30 FESTIVAL FEDERICO CESI Musica Sefardita presso il Chiostro San Francesco con il Patrocinio del Comune

22-28 agosto ore 21.30 FESTIVAL DI DIREZIONE D’ORCHESTRA concerti a cura dell’Associazione InCanto, con il Patrocinio ed in collaborazione con il Comune

9 settembre ore 21 SAGRA MUSICALE UMBRA presso l’Abbazia di San Nicolò con il patrocinio del Comune

️10 settembre ore 20 SAN GEMINI SOTTO LE STELLE presso il centro storico a cura della Pro Loco San Gemini con il Patrocinio del Comune

11 settembre ore 9.30 PASSEGGIATA A VALLANTICA NELLE TERRE DEL CANOVA con esperti (Bando regionale turismo Terre dei borghi verdi) a cura del Comune

dal 17 settembre al 12 ottobre MOSTRA DEI MONTI MARTANI presso la Sala culturale della Stazione di Posta a cura dell’Associazione Valorizzazione del Patrimonio Storico San Gemini con il patrocinio del Comune

Altri eventi in fase di definizione saranno aggiunti in seguito

Comunicato Stampa Pro Loco San Gemini

Acquasparta, Palazzo Cesi aperto sette giorni su sette

126

ACQUASPARTA – 3 giugno 2022 – A partire da lunedì 6 giugno e per l’intero mese, Palazzo Cesi di Acquasparta aprirà le sue porte ai visitatori sette giorni su sette, con il consueto orario: dalle 11 alle 13 e dalle 15.30 alle 18:30. Tutto questo anche grazie al proseguimento della collaborazione tra l’Associazione Acqua, gestore del palazzo, e il Centro Turistico Giovanile Gruppo San Francesco di Acquasparta.

Il lunedì e il martedì le visite a cura degli operatori CTG  saranno possibili negli orari indicati – pur senza l’ausilio del Centro Esperienziale – con il ticket ingresso di 4 euro (ridotto) e con le gratuità già garantite per determinate categorie. I visitatori accolti al desk potranno ricevere informazioni e prenotare visite guidate. Disponibile in rete il download gratuito dell’App “Palazzo Cesi – Acquasparta” con testi, foto, video e audio-guide nelle lingue italiana ed inglese. 

Grazie agli operatori dell’Associazione Acqua, le aperture proseguiranno dal mercoledì alla domenica (ticket 6 euro intero, 4 euro ridotto e relative gratuità), durante le quali il Principe Federico Cesi e la sua famiglia, assieme ai fondatori dell’Accademia dei Lincei e a Galileo Galilei, si materializzeranno davanti agli occhi dei visitatori con le proiezioni del Centro Esperienziale, raccontando il Rinascimento di Acquasparta e la Rivoluzione Scientifica Lincea.

San Gemini: l’Arte nel Borgo

157
Da domani, San Gemini diventerà un vero e proprio museo, ospitando contemporaneamente ben 4 mostre
 
SAN GEMINI – 27 maggio 2022 – Da domani, 28 maggio, San Gemini si trasformerà nel borgo dell’Arte; ospiterà ben 4 mostre di cui una permanente. I visitatori, dopo aver ammirato le sue tante chiese, i palazzi storici, le piazze, i vicoli, nonché il suo meraviglioso panorama, potranno gratuitamente apprezzare le opere d’arte esposte in vari luoghi del centro storico:
 
1) SALA MULTIMEDIALE SANTA MARIA MADDALENA:
 
George Tatge e La valle incantata
29 maggio-19 giugno
il venerdì, il sabato e la domenica
dalle ore 9.00 alle ore 19.00
in Via Cataone
Saranno esposte 32 foto nelle quali l’artista ha voluto raccontare il fascino dell’Umbria Meridionale rielaborando con spirito contemporaneo le suggestioni del Grand Tour, realizzando il suo personalissimo viaggio, per poter condividere, attraverso una mostra itinerante, che toccherà i diversi luoghi coinvolti nel progetto La Valle Incantata, un nuovo racconto senza tempo.
“Il metodo fotografico di George Tatge è del tutto simile a uno stile di vita che appare chiaro, delicato, rispettoso, etico, e che si esercita in una costante ricerca di una possibile armonia. Questo sentimento equilibrato della vita, questa fiducia che la bellezza possa ancora oggi esistere, ha permesso a questo fotografo gentile che ha vissuto la sua adolescenza tra l’Europa, il Medio Oriente e gli Stati Uniti, di trovare in Italia (segnatamente nel dolce Centro Italia, tra Umbria e Toscana), dove è approdato poco più che ventenne, il luogo in cui vivere, osservare, comporre immagini. La sua fotografia schietta, pacata e programmaticamente antispettacolare, in tempi nei quali tutto scivola pericolosamente verso lo spettacolo, l’esibizione, la risata, l’urlo, costituisce un vero insegnamento.”
Queste le parole scelte dalla docente e critica Roberta Valtorta in merito alla mostra, nell’ambito del Progetto La Valle Incantata da cui prende il nome.
Il Progetto, finanziato dalla Regione Umbria è concepito in ottica di rete tra musei, propone percorsi di scoperta tra arte, storia e natura attraverso quei luoghi che già nel passato stupirono scrittori e artisti per la loro bellezza.
Il progetto “La Valle Incantata” è realizzato con il contributo della Regione Umbria e curato dai Comuni di Calvi dell’Umbria, Lugnano in Teverina, Narni, Otricoli, San Gemini, Stroncone, Terni e dall’Archidiocesi di Spoleto-Norcia, in collaborazione con Direzione Regionale Musei Umbria.
 
2) SALA CULTURALE STAZIONE DI POSTA:
Paola Gandolfi “Chiamata urbana urgente”
cofondatrice del Gruppo Ateliers del Monti Martani, nato da un’idea di Bruno Toscano.
SALA CULTURALE STAZIONE DI POSTA in Via Campo dei Fiori n. 3 .
Vernice 28 maggio ore 18,00
28 maggio – 19 giugno
Orario di visita, tutti i giorni dal lunedì al venerdì 16h– 20h; sabato, domenica e festivi 10h – 13h e 16h – 20h.
La mostra di Paola Gandolfi dal titolo Chiamata urbana urgente, è allestita nella Sala Culturale Stazione di Posta San Gemini, centro per la promozione dell’arte contemporanea.
Protagonista di un percorso originale ed attento, Paola Gandolfi dipana il suo operato, con diversi mezzi espressivi, dalla pittura al disegno, al video.
È infatti originale il progetto espositivo nel quale l’artista si affida proprio ad un video, opera realizzata appositamente per questa occasione. Un mezzo espressivo che ben esprime la sua personalità artistica ed umana.
Il visitatore che entra nella Sala Culturale non è accolto dallo sguardo consueto delle opere allestite su pannelli e riproducenti soprattutto ritratti che dipingono una femminilità intensa, di ricerca inconscia e psicologica. La centralità di lunga data delle tematiche femministe, uno dei perni della sua poetica, si squaderna sempre con rinnovata peculiarità, motivata da autenticità di moventi e di esiti. Da diversi anni essa si è concretizzata in una cruciale e delicata operazione di rifondazione dell’immaginario, che, nel caso specifico, si intreccia con una riflessione intensa sulla memoria e le sue immagini. Che affiorano e discorrono, tratte da cassetti di famiglia, come da stanze interiori.
La mostra è curata da Bianca Pedace, docente di estetica presso le Accademie di Brera e di Perugia.
L’esposizione è documentata da un catalogo a colori, il 12esimo della collana Ateliers dei Monti Martani, pubblicato per i tipi dell’Associazione Valorizzazione del Patrimonio Storico di San Gemini
 
3)GRAND HOTEL SAN GEMINI:
Dal Tempo l’Eterno- Viaggio tra l’Uomo e il Sublime in Giovanni Gasparro
12 febbraio-12 giugno tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore 18.00 in Piazza Duomo, Palazzo Santacroce.
La Galleria degli Afreschi del Grand Hotel San Gemini sarà la cornice d’eccezione delle opere del giovane e talentuoso artista Giovanni Gasparro, definito “l’ultimo caravaggesco” da Vittorio Sgarbi.
La mostra curata da Giuseppe Cassio e Paolo Cicchini, presenta 17 dipinti su tela, specchio, rame e zinco realizzati da Giovanni Gasparro (Bari, 1983), artista pugliese che vanta molte esposizioni in Italia ed all’estero ed è stato recentemente insignito del premio “100 eccellenze italiane 2021”.
“Le citazioni dei grandi maestri da cui Gasparro trae ispirazione” – afferma Cassio – “non sono letterali ma diventano il pretesto per porsi sulla scia di un percorso rivoluzionario avviato con Merisi e ancora talmente attuale da sconcertare anche il più acuto osservatore. La materia rappresenta la linfa vitale che anima il fare pittorico di Gasparro, dove nulla si dà per veramente acquisito, ma tutto è frutto di una costante elaborazione, dello studio e dell’intelletto del suo artefice che sollecita al contempo rifessione sulla caducità del tempo e tensione per l’eternità. Gasparro risente fortemente della tradizione cattolica che accompagna la sua vasta produzione sacra. Grazie a questa capacità di studio e ricerca, l’artista entra legittimamente nelle chiese senza disturbare e non genera interferenze con il contesto, anzi, si mescola sapientemente senza rinunciare al suo ductus pittorico che ‘riempie’ gli occhi per quel modo di interpretare i soggetti con la loro stessa essenza corporea così com’è – si direbbe sine glossa – senza alcuna censura”.
 
4) MUSEO DELL’OPERA GUIDO CALORI:
Mostra Permanente di scultura e pittura di Guido Calori.
Il Museo dell’Opera di Guido Calori si compone di sei sale che raccolgono la maggior parte delle opere di scultura e pittura di uno degli scultori italiani più importanti del XX secolo.
Il complesso monastico, restaurato negli anni Ottanta dalla famiglia Mastino Calori, raccoglie sculture in bronzo e opere pittoriche prodotte tra gli anni Dieci e gli anni Cinquanta del Novecento, nonché numerosi bozzetti e i suoi strumenti di lavoro.
Tra le opere esposte è il pregevole bronzo “Italica Gens”, premiato in occasione della Biennale di Venezia del 1930. Nella sede è anche custodito l’archivio dello scultore. Nel corso della sua carriera Guido Calori ha vinto ben quattro premi assegnati dall’Accademia di San Luca in Roma, due per la scultura e due per la letteratura d’arte: il primo a soli diciassette anni nel 1901.
Info e approfondimenti: https://www.museo-calori.it
 
Comunicato Stampa Comune di San Gemini
 

Anche a Montecastrilli arriva l’Unitre

207

MONTECASTRILLI – 10 aprile 2022 – Questo pomeriggio alle ore 17 presso il Centro Polifunzionale di Via Tenente Franco Petrucci verranno presentate le attività della nuova Università delle Tre Età di Montecastrilli e contestualmente prenderà via il tesseramento.

Arriva quindi anche a Montecastrilli una istituzione culturale la quale consente un interscambio generazionale di sapere, dando una nuova possibilità di apprendimento a chi magari per svariati motivi non ha avuto modo di accrescere la sua cultura in altri momenti della sua vita. D’altronde, ed è noto, il sapere non ha età.

Nicolò Sperandei

San Gemini, nuovo quartetto di Giovanna Marini a San Nicolò

231

Si esibirà domani pomeriggio nell’abbazia per il festival Sacro incanto 

SAN GEMINI – 9 aprile 2022 – Domani, domenica 10 aprile, alle 18, il Nuovo quartetto di Giovanna Marini sarà nell’abbazia di San Nicolò a San Gemini per il festival Sacro incanto con un concerto intitolato “Sulla strada dei pellegrini” e dedicato alle musiche popolari per la liturgia pasquale, tramandate oralmente di generazione in generazione.

Oltre a Giovanna Marini il Quartetto è formato dalle voci di Flaviana Rossi, Patrizia Rotonda, Michele Manca. Il festival Sacro Incanto è realizzato grazie al contributo della Fondazione Carit – Cassa di Risparmio di Terni e Narni. Il concerto è ad ingresso gratuito.

Giovanna Marini è un’entusiasta ricercatrice e un’appassionata interprete delle antiche tradizioni musicali, da quelle collegate al sacro a quelle che rispecchiano le lotte sociali. Ha collaborato con i più bei nomi della cultura italiana degli ultimi decenni (basti citare Pasolini, Calvino, Dario Fo, Roberto Leydi, Gianni Bosio, Francesco De Gregori e altri ancora).

(Fonte: Corriere Dell’Umbria)