Anche Acquasparta nel “Paradiso di Dante”

Anche Acquasparta nel “Paradiso di Dante”

548

Anche il borgo, inserito fra i più belli d’Italia, aderisce al Progetto creato dall’Associazione Operatori del Parco del Monte Cucco

ACQUASPARTA – 19 maggio 2021 – Anche Acquasparta entra a far parte del progetto “Umbria Paradiso di Dante” presentato dall’associazione Operatori del Parco del Monte Cucco e parteciperà ad una rete di 28 Comuni umbri con un percorso per luoghi, opere d’arte e simboli attinenti alla Divina Commedia, in occasione delle celebrazioni del 700° anno della morte di Dante. “Si tratta di un’interessante possibilità di mettere Acquasparta in rete con altre realtà umbre – afferma l’amministrazione – in un sistema di collaborazioni nel quale stiamo inserendoci sempre di più e che vede i nostri territori diventare sempre più protagonisti con la loro ricchezza culturale e con un notevole potenziale di attrattività turistica. Il progetto ‘Umbria Paradiso di Dante’ sarà anche l’occasione per valorizzare e rinnovare i legami culturali e sociali fra città e località accomunate da una tradizione dantesca”. Il Comune di Acquasparta, entra nel progetto Umbria Paradiso Dante, per essere citata nel XII Canto del Paradiso. Il progetto è stato presentato ieri, 18 maggio, dall’associazione Operatori del Parco del Monte Cucco e dalla Regione dell’Umbria con l’obiettivo di creare un Itinerario Regionale. L’Umbria è la prima regione italiana a presentare un progetto unitario del Patrimonio culturale Dantesco presente nel suo territorio. Tra gli obiettivi del progetto c’è anche quello di creare un percorso di Dante in Umbria che si potrà legare con gli altri percorsi regionali danteschi.

Acquasparta e la Commedia Il legame di Acquasparta con Dante è più stretto di quello che si possa immaginare. Il Poeta infatti cita il borgo nel Canto XII del Paradiso, nella terzina che va dal verso 124 al verso 126:

“ma non fia da Casal né d’Acquasparta, 
là onde vegnon tali a la scrittura, 
ch’uno la fugge e altro la coarta.” 

Un targa in marmo apposta dalla Pro Loco nel 1965 su un lato della chiesa di San Francesco (foto di copertina) ricorda ai cittadini tale importante menzione.

Nicolò Sperandei

Le 28 località umbre aderenti al progetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.